fbpx

Il colosso nipponico segue l’esempio di altre realtà del mondo del gaming annunciando lo stop alle consegne di hardware e software in Russia. Donati anche 2 milioni di dollari all’UNHCR e a Save the Children per supportare le vittime della guerra.