fbpx

All’Università di Cambridge un team di ricercatori ha usato un’alga per alimentare un microprocessore ininterrottamente per sei mesi usando nient’altro che luce ambientale e acqua. Un esperimento che apre nuovi scenari per l’Internet of Things.