fbpx

Una serie di documenti interni svelerebbe le strategie che Nintendo avrebbe adottato nei confronti dei modder che hanno violato le sue proprietà intellettuali. Troviamo tattiche “intimidatorie” e piuttosto aggressive, che includono la sorveglianza dell’hacker e proposte di collaborazione.