fbpx

Dopo Facebook, anche LinkedIn è nell’occhio del ciclone. Il social ha subito un’enorme estrazione di dati dei suoi utenti da parte di un malintenzionato. L’azienda rassicura: “Non c’è stata nessuna violazione dei sistemi informatici”.