fbpx

Desta preoccupazione la ricerca dell’Agenzia norvegese per la protezione dell’ambiente, secondo cui le microplastiche derivate dal deterioramento delle pale eoliche fanno da cavallo di troia per pericolosi inquinanti, fino ad entrare nell’organismo umano e animale