fbpx

Secondo un’indagine condotta da Kaspersky, la metà dei dottori italiani per la telemedicina non utilizza app sviluppate appositamente per questi fini, ma preferisce alternative come Zoom, Messenger, WhatsApp, Facetime, con conseguenti rischi per la privacy