fbpx

Dopo che Microsoft e Oracle hanno reso possibile l’interoperabilità fra i rispettivi ambienti cloud di negli USA è il turno dell’Europa. Anche nel vecchio continente le imprese potranno interagire senza soluzioni di continuità con le due piattaforme