fbpx

ESA, insieme a una società partner nel Regno Unito, sta progettando una nuova navicella ipersonica che permetterà di portare piccoli satelliti in orbita bassa con costi bassi e puntando sulla massima riutilizzabilità. Si guarda però al 2030.