fbpx

Un team di ricercatori di Google ha pubblicato un documento intitolato “Cores that don’t count” che illustra l’esistenza di core “capricciosi” all’interno delle CPU, i quali talvolta fanno errori di calcolo a causa di problemi di produzione non rilevati dai progettisti. Errori che, spesso, si presentano in modo del tutto inaspettato e “silenzioso”.