fbpx

Si conclude dopo due anni la causa contro Activision Blizzard per le discriminazioni esercitate nei confronti delle sue dipendenti. Il publisher, ora parte di Microsoft, ha stipulato un accordo con lo stato della California in cui accetta di pagare un maxi-risarcimento di 56 milioni di dollari.